FacebookTwitterRSS Feed
CPR certification onlineCPR certification onlineCPR certification online

Di Antonio Ingroia

Sulla scelta di Raffaele Marra, prima nominato vice capo di Gabinetto vicario del Campidoglio, poi, dopo le prime polemiche, vice capo di Gabinetto senza funzioni vicarie e quindi, non arrestandosi le polemiche, spostato alla guida del Dipartimento Personale, Virginia Raggi ha deciso di giocarsi sin dall’inizio una partita tanto importante quanto ostinata. E’ andata avanti per la sua strada, resistendo a ogni tentativo di farla recedere, respingendo attacchi e critiche durissime provenienti anche dall’interno dello stesso Movimento 5 Stelle. Non era una scelta saggia, lo aveva intuito anche Beppe Grillo.

Oggi che Marra è stato arrestato con l’accusa gravissima​ di corruzione, la sindaca non può cavarsela con la lettura ​sbrigativa ​ di un comunicato​, senza accettare domande​.

Doveva prendere le distanze e lo ha fatto, anche se in ritardo. Ma soprattutto doveva e deve spiegare, cosa che invece non ha fatto ancora. Deve spiegare ai cittadini romani perché ha voluto a tutti i costi Marra come suo braccio destro. Dire che “Marra non è un esponente politico, ma un dirigente” ​non basta, ​ è troppo poco. La responsabilità penale di quanto viene contestato, se sarà provata, è di Marra, m​a alla Raggi resta comunque la responsabilità politica. La sindaca può andare avanti soltanto se saprà spiegare ed in modo convincente le ragioni di questa difesa ad oltranza di Marra, difesa che termina solo davanti al suo arresto, troppo tardi.  E cercare di giustificare la dimostrata inadeguatezza. Altrimenti, credo, i primi a toglierle la fiducia saranno gli elettori 5 stelle, che sull’onestà, trasparenza e senso di responsabilità di ogni eletto del Movimento 5 Stelle hanno investito tanto.

 

Antonio Ingroia

e-max.it: your social media marketing partner

Area Riservata

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
Testata in attesa di registrazione presso il tribunale Roma Direttore e fondatore Antonio Ingroia Redazione: via Calabria 56, Roma Indirizzo mail: Redazione@lagiustizia.info